ASSEMBLEA ANNUALE DEI SOCI RELATIVI ALL’ANNO 2017

L’assemblea dell’Associazione relativa alle attività svolte nel 2017 si è tenuta il 10 Febbraio 2018, alla presenza del Presidente, della vice-Presidente e di 31 Soci che hanno approvato alla unanimità le relazioni del Presidente e del Tesoriere, il quale ha evidenziato nel dettaglio la positività della situazione economica.

Al 31 Dicembre 2017 risultano regolarmente iscritti alla Associazione 51 Soci.

Il Presidente ha illustrato le attività realizzate nel 2017 con i Soci genitori e con i Soci del gruppo giovani. Sono state dedicate oltre 60 ore agli incontri mensili con i Soci, proseguendo per il decimo anno i Progetti Logos (destinato ai genitori) e Kalòs (destinato ai giovani). Le tematiche maggiormente sviluppate dal Presidente sono state quelle relative alle emozioni, all’ideale del sé e alla ricostruzione con modalità fenomenologica dell’approccio terapeutico e della cura.

Il 25 Giugno e il 17 Settembre si sono svolte due giornate di incontri a Verdeto (PC), il cui scopo è di unire la componente conviviale e di godimento della natura alla discussione comunitaria di un tema rilevante per i partecipanti, genitori e ragazze.

La sintesi dei temi trattati si può trovare nelle News del sito www.eumenidi.it.

Un aspetto molto rilevante e consolidato nei due gruppi (adulti e ragazze) è la capacità di ascolto e di coinvolgimento delle persone che partecipano come nuovi Soci alle varie iniziative dell’Associazione. Alcune solide e proficue amicizie si sono instaurate tra i componenti di entrambi i gruppi, i quali, tra l’altro, convivono singolarmente bene nelle giornate comunitarie di Verdeto.

Le esperienze comunitarie di bellezza condotte dalle ragazze con il Presidente, con finalità di tipo artistico, spirituale e fotografico-paesaggistico, sono particolarmente produttive, anche sul piano clinico, favorendo cambiamenti stabili nelle partecipanti.

Il Presidente ha esposto il progetto per il 2018:

Il motivo conduttore delle attività della nostra Associazione nell’undicesimo anno dalla sua fondazione è la riflessione sulla bellezza, intesa sia come esperienza personale e comunitaria, sia come educazione della mente e del cuore, necessaria per la costruzione dell’ideale del sé che armonizza i contrasti tra ragione ed emozioni-sensazioni-percezioni che si riscontrano nei DCA.

Solo chi conosce la sofferenza e l’angoscia può capire la centralità della bellezza, in quanto essa è una necessità vitale e costituisce uno strumento educativo, non un’utopia in cui rifugiarsi nei momenti difficili o un cedimento all’estetismo e all’emozionalismo.

Il Presidente condivide con i Soci dei due Progetti Logos e Kalòs la riflessione sul perché essa sia così determinante, e sul come possa essere declinata nella vita quotidiana, con il contributo di coloro che intervengono creativamente su questa tematica, soprattutto durante gli incontri di Verdeto, tesi allo sviluppo di una sempre maggiore consapevolezza e capacità educativa.

a) L’interesse esplicitato dalle partecipanti del Progetto Kalòs per le esperienze di bellezza con i cinque sensi e per la forma espressiva rappresentata dalla fotografia consiglia di proseguire nel 2018 con la stessa modalità: esperienze artistiche, esperienze nella natura, conoscenza di persone umanamente e culturalmente significative, Corso di fotografia centrato su: saper guardare, saper interpretare, saper riprodurre; visita a mostre, musei, città d’arte; visione di film ricchi di significati.

b) Il Progetto Logos prosegue con le stesse modalità, anche in considerazione del livello di preparazione dei genitori “esperti” e della loro capacità di accogliere i nuovi entrati e di aiutarli ad affrontare meglio i problemi connessi con i DCA, con il supporto dei terapeuti. Il Presidente consiglia ai genitori volontari di aggregarsi in gruppi operativi su base territoriale.

c) Il Presidente e i Soci si rendono disponibili a presentare le esperienze culturali, scientifiche e umane dell’Associazione nelle sedi opportune se invitati.

Per quanto attiene gli Aspetti clinici:

– Prosecuzione della fattiva collaborazione con la dietista volontaria, Laura Miglietti, la quale fornisce una preziosa preparazione nell’ambito dell’educazione alimentare e schemi di rialimentazione, con consulenza ambulatoriale e telefonica.

– Viene stimolata nei Pazienti l’espressione scritta e figurativa (disegni, manufatti, fotografie) dei propri vissuti, emozioni, percezioni, considerazioni esistenziali, con la finalità di auto-cura attraverso l’oggettivazione e il superamento della sola conoscenza emotiva.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *